Parliamo di…SLS e SLES

Era da un pò di tempo che non scrivevo per la mia rubrica “Parliamo di…” [che tratta  di argomenti cosmetici specifici, come INCI, Siliconi, Coloranti… cioè tutte quelle cose che si nascondono dietro/sotto/incollate al cosmetico che compriamo e usiamo. Sono argomenti spinosi e che spesso vengono trascurati per un pò di luccichio in più, ma io credo, che nella vita la conoscenza faccia sempre bene e che tutti dobbiamo avere una reale possibilità di scelta.]

Per ricominciare questa rubrica ho scelto uno , anzi due, ingredienti che sono diffussisimi in miliardi di detergenti e che sicuramente tutte noi abbiamo in casa, e in bagno. Sto parlando degli SLS e SLES ovvero Sodium lauryl sulfate e Sodium laureth sulfate, due tensioattivi indispensabili per diminuire la tensione tra le particelle, e quindi per far scivolare via lo sporco e il sebo grasso  con l’aiuto dell’acqua. Questi specifici tensioattivi sono definiti “aggressivi e potenti” perchè in quantità elevate ( cioè se si trovano ai primi posti dell’inci) possono danneggiare la pelle o i bulbi piliferi. Troviamo questi tensioattivi in tutti i prodotti per la detersione come shampoo, bagnoschiuma, detergente intimo, sapone liquido, gel detergenti ecc.

Ci sono in circolazione molte leggende e molte verità su questi ingredienti, le ricerche su di loro sono ancora apertissime e sicuramente tra 5 anni ne sapremo qualcosa di più, si è anche detto che siano cangerogeni, che non siano biodegradabili ecc… ma sono tutte informazioni ancora incerte e non confermate da nessuna fonte ufficiale. Fatto sta che se non usate in grandi quantita ( meno del 20%) e con forte frequenza non c’è pericolo serio, ovviamente come in ogni “agente dannoso” di cui vi ho parlato penso sempre che non è solo lui la causa di un “malanno” ma la concomitanza di più fattori sociali e ambientali ( Smog, Fumo, Petrolati ecc). Quindi se state per alzarvi dalla sedia, o dal divano, per controllare se nel vostro bagnoschiuma c’è SLS o SLES, prima di farlo buttate la sigaretta che avete in mano, cercate di non mangiare le patatine fritte che aveve intenzione di cucinare stasera e non andate a lavorare nella fabbrica conciaria che avete a 3 km da casa. Tutto questo per dirvi che essere eco-bio non è facile e che sebbene sia un nobile stile di vita io non sono eco-bio, non perchè non credo nei valori della natura, ma perchè sostengo che nella nostra società siamo talmente tanto contaminati (inconsapevolmente) che non potrei mai privarmi di tutto e sostituirlo con tutt’altro. Forse anche il colorante sintetico dei vestiti che indosso adesso potrebbe farmi male, forse anche il plantare delle mie scarpe contiene agenti chimici dannosi… ma forse un giorno il mondo sarà migliore. Fatto sta che l’unica cosa che mi preme di più è “la conoscenza” che ci dia la possibilità di scegliere!

Ogni volta che si usa un detergente con laurilsolfato, il mantello idro-acido-lipidico della pelle si altera e il diventa alcalino (7-8). La pelle impiega da 4 a 12 ore per ripristinare le protezioni naturali. Queste sostanze usate negli shampoo possono provocare il diradamento dei capelli.  (www.anagen.net)

Non esiste letteratura scientifica che dimostri la tossicità dello SLES e del SLS; ampia è invece quella relativa agli effetti indesiderati da essi provocati. Ciò non autorizza a considerare necessariamente pericolosi i prodotti che contengono SLS o SLES, visto che molto dipende dalla loro concentrazione, dalle altre sostanze contenute e dal tempo di contatto con la pelle; è importante sottolineare, però, che si tratta di due tensioattivi la cui azione sgrassante, se non bilanciata dalla presenza di altri tensioattivi più delicati, può essere troppo energica. Inoltre, non va dimenticato che non è obbligatorio specificare le percentuali di tensioattivi presenti nel prodotto sulle etichette, ragione per cui non si può conoscerne la concentrazione. Infine, questi tensioattivi hanno un forte impatto ambientale.

Detto questo, vi dico anche che io uso prodotti con questi ingredienti, ma non con un uso frequente, li alterno a prodotti molto più delicati. Ma pure usandoli tutti i giorni non sono in quantità elevate da essermi nocivi o danneggiare la mia pelle.

Però, visto che nella mia famiglia ci sono problemi di dermatiti e infiammazioni cutenee, sto attenta anche a comprare prodotti delicati e che non contengano questi ingredienti.

Annunci
Pubblicato in: News

11 pensieri su “Parliamo di…SLS e SLES

  1. Beauty&Kabuki ha detto:

    Penso di poter rientrare nella categoria “conduco una vita abbastanza sana da potermi permettere il lusso di eliminare le sles dai prodotti che uso”. Io devo dire che da quando non li utilizzo più sto molto meglio e soprattutto da quando li ho eliminati dagli shampoo non ho più effetti indesiderati, alla fine si tratta di scelte di vita consapevoli. Non bisogna demonizzare nulla e anzi comprare con coscienza senza però crearsi strani allarmismi mentali :*. Pensa che tutte le volte che uso un prodotto che contenga sia le sles che tensioattivi più o meno aggressivi mi riempio di chiazzette rosse, sarà una reazione allergica però bhu preferisco evitare xD.

    • Fidya ha detto:

      Beh si, se è così è meglio evitare, io invece mi trovo male con alcuni shampoo che non li contengono, ma uso comunque prodoti di qualità, ormai sono anni che uso i prodotti TIGI per i miei capelli e so bene che non hanno un inci accattivante, ma sono gli unici prodotti che mi lavano bene e non mi fanno venire le doppie punte.

      • Beauty&Kabuki ha detto:

        che poi sono delle chiazzette rosse che se ne vanno dopo pochi minuti, non capisco come mai poi non sia una cosa a lungo termine ma una allergia momentanea. Forse la mia pelle non li tollera… XD ah sisi ho visto che ne compri, infatti mi incuriosì la marca TIGI e ho visto che la vendono anche su feelunique.com!

  2. marymakeup ha detto:

    Il SLS è presente in tutti i prodotti di uso quotidiano (e non) che fanno la schiuma, più ne fanno e “meglio è” (più alta è la concentrazione). Dici di usarli poco, ma il SLF o SLES non sono presenti solo in prodotti che metti sulla pelle, ma anche nei prodotti che metti in bocca…il dentifricio ne è un esempio e sono certa che lo usi tutti i giorni! Ho lavorato per una azienda americana che aveva bandito il SLF/SLES dai suoi prodotti, se l’argomento ti/vi interessa particolarmente, posso rimediare la modulistica e darvi qualche info in più!

    • Fidya ha detto:

      anche i dentifrici contengono tensioattivi, e ho letto anche di una leggenda che diceva che un dentifricio facesse venire il cancro, ecc ecc…ma il problema è che le letture realmente affidabili sono poco. Comunque sono curiosa di leggere il tuo materiale su questi ingredienti, in modo da ampliare la discussione.

  3. Alessandra ~ Miss Boom Baby ♥ ha detto:

    li ho eliminati dai detergenti per quanto possibile, il bagno schiuma che uso ad esempio non li contiene, se mi capita di utilizzare prodotti per il corpo che li contengono mi si squama la pelle e mi vengono bolle ovunque 😦 purtroppo non sono ancora riuscita ad eliminarli negli shampoo ma sto gradualmente cambiando la mia skin care e sto facendo più attenzione ai prodotti che utilizzo e vedo che effettivamente la mia pelle sta molto meglio. non li demonizzo ma se posso evitare di ritrovarmi con la pelle piena di bolle evito con piacere ;D

    • Fidya ha detto:

      Da quello che ho capito danno problemi a molte ragzze, di rossori e bolle. Con la conoscenza si arriva spesso alla soluzione. Qundi nel momento in cui si compra un prodotto è sembre bene dare un occhiata, concordo con te!

  4. Barbara ha detto:

    Io li ho completamente eliminati…non sono ricchissima..però al posto del bagnoschiuma liquido, uso le saponette dei provenzali che costano sui 3€ (quelle grandi) e durano tantissimo.
    Anche lo shampoo..uso quelli della marca ADMIRANDA 🙂 naturali al 95% senza coloranti, petrolati, SLS ecc.. e costano sempre sui 3€ …
    Insomma io ho voluto almeno cambiare ciò che mi era più facile cambiare… è sempre un punto di inizio 🙂
    Bel post comunque!

Lascia un Commento/Saluto se ti va ♡

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...