Scrivo per me…

Come mi ha consigliato Silvia su facebook, scrivere aiuta a distendere i pensieri e magari a vederli nella giusta ottica, quindi oggi, benchè non abbai apparentemente nulla da dirvi voglio scrivere per me. Sarò sconnessa, contorta e forse assurda, ma procederò per punti.

  • Ieri sera diluviava ed io ero a letto…e questo mi ha fatto pensare tanto e a tante cose. Spesso la vita ci porta al termine di un percorso e anche se apparentemente è un bene io sono terrorizzata. Parlo della mia laurea (lo so… sono ripetitiva!), manca solo una settimana alla discussione ed io inizio a tremare già da adesso, non perchè non conosca la mia tesi, infondo l’ho scritta io e so di cosa tratta… ma perchè ho paura di sbagliare, di non apparire “sicura”, “pronta” e coinvolgente. I consigli amichevoli che mi date sia sul web che nella realtà sono molto incoraggianti: “Goditi quel giorno”; ” Passerà e non te ne accorgerai neppure!”; ” Leggila solo un’ultima volta il giorno prima e basta!”; ” E’ la fine…il grosso è fatto!”…consigli che si susseguono e mi incoraggiano davvero tanto, ma nonostante questo ho paura. Credo che sia anche dovuto da uno strano impulso inconscio…mi sento una traditrice… ho tradito la mia prima scelta, la sociologia, per avventurarmi nel mondo del make up, che seppure io affronti in modo tecnico, mi rapisce completamente e per molto tempo ho tradito il mio percorso di studi, l’ho messo da parte, l’ho trascurato… è come se sentissi di non meritarmi questa laurea, questo giorno e questa gioia. Non fraintendetemi…. Io ho scelto la sociologia ben 6 anni fa perchè l’amavo, e l’amo tutt’oggi, ma la mia vita mi ha condotto verso strade diverse più congeniali a me, più creative e che mi danno molta più soddisfazione personale e sociale, questo mi ha influenzato. Inoltre, vedere miei colleghi persi nel mondo… senza un lavoro, un aspirazione, un furturo mi ha ancor di più allontanato dall’università e fatto capire che la vita non è l’università, ma finchè non la frequenti e non ci sbatti la testa contro non lo capirai mai. Io non concordo con chi dice: “L’università non serve a nulla!” perchè non è vero. L’università serve a crescere, a maturare e a far realizzare i propri sogni più latenti, ma bisogna saper sognare e non farsi mai abbattere, bisogna crederci nonostante le ingiustizie, lo Stato che non ci aiuta, gli esami difficili e i sacrifici. Se credi DAVVERO in quello che fai può riuscirci!
  • Oggi sentivo due persone parlare di me dicendo: “Una laureata che fa l’estetista? bah!” avrei voluto correggerle dicendo…”non sono un estetista stupide galline!” ma non sarebbe servito a nulla…Qui la concezione del make up è davvero limitata, spesso mi sono trovata davanti a persone che mi dicevano: “Woooow, ci metti 1 ora per truccarmi???” senza capire che studiare, correggere e perfezionare un viso non è come spennellare il tuorlo sullo strudel. Mi avvilisco quando incontro persone così…ma non così tanto da non continuare a sperare che io, con il mio progetto riuscirò a cambiare le cose, a far capire a molte persone che il make up professionale non è mettere una matita e un mascara, non è seguire i propri gusti, ma è studio costante, aggiornamento ed estrema igiene e professionalità. Sarò dura e creativa nel mio (futuro) studio make up, ma dovrò esserlo per far capire alle persone il valore giusto di un trucco professionale, anche se… non credo ci sia bisogno di tanta durezza visto che sarà il trucco stesso a parlare. Succede anche adesso quando trucco una sposa…il trucco è il mio miglior biglietto da visita 🙂
  • E penso al dopo discussione e mi viene da sorridere… sarò felice quando mi alzerò da quella sedia e vedrò mio padre, orgoglioso anche se non lo dirà, anche se mi dirà che avrei potuto fare meglio…anche se non gli stare bene nulla, ma so che quando andrà a letto lui sarò felice di me! 😀 Con me quel giorno ci saranno i miei amici…Amicizia…mmm….una parola contorta e complessa per me. Ho avuto esperienze terribili e bellissime… ma meglio che mi fermi qui, altrimenti scriverei per ore ed ore.
  • CIOCCOLATA! in questo periodo ho voglia, tanta voglia di dolci…. dieta? magari dopo! 😛

Se avete letto fin qui vi meritate un dolcetto:

biscotti-al-cioccolato

Annunci

21 pensieri su “Scrivo per me…

  1. Nunzia ha detto:

    cara, è normale essere agitate…e, come ti ho già detto,qualsiasi cosa ti dirò io o altre persone, aiuta,ma non ti farà tranquillizare mai al 100%..è così e basta!Fa parte della nostra natura preoccuparsi,anche quando le cose si sanno,forse è un modo di rimanere in allerta e sempre vigili, un retaggio ancestrale…quindi sfogati pure perchè ti fa solo bene, ma tanto vedrai,passati quei 15 minuti circa, ti sentirai leggerissima e felicissima come non mai…succede sempre così quando si vine fuori positivamente da una prova, qualsiasi prova!…anche i miei non mi hanno mai detto brava,come non l’hanno detto a mia sorella per la seconda laurea,come non lo diranno alla mia sorella più piccola che si laureerà a breve…i nostri genitori son fatti così!Ma noi da bravi figli, in cuor nostro, sappiamo che sono orgogliosi di noi!.Un abbraccio forte!……….scusa la mia lungaggine!

  2. Rosangela ha detto:

    Grazie del dolcetto virtuale 🙂 Non sentirti una “traditrice” I tuoi studi per laurearti non sono stati vani…E’ un valore aggiunto che dai al meraviglioso mondo del makeup! Le “galline”…Purtroppo ce ne sono tante in giro, ma tu, con la tua esperienza e professionalità saprai come farle cambiare pascolo! 😉 Un abbraccio forte!

  3. ilbeautydisamia ha detto:

    Ciao Rosy, comprendo il tuo stato d’animo ma in fondo la tua ricerca e i tuoi studi potrai metterli in pratica tutti i giorni anche se non lavorerai in un centro di sociologia ma di make-up..anzi forse avrai una marcia in più per comprendere meglio chi hai di fronte e crearle un trucco che meglio la rappresenti. Come ogni percorso, anche quello universitario non può essere lineare sempre, hai i suoi alti e bassi, le sue vie d’emergenza e talvolta anche “sentieri che si biforcano” e poi la vita è sempre imprevedibile..te lo dice una che ama programmare sempre tutto eh! Ho imparato anche questo, le cose accadono e le ragioni per cui accadono non sempre le capiamo in breve tempo..
    Se fossi un uccellino mi farebbe davvero piacere volare lì da te per vederti in quel momento, è difficile e pieno di emozioni contrastanti ma proprio per questo è uno dei più belli per chi sa di aver lavorato duro per ottenerlo credendo nel percorso effettuato. Un sincero abbraccio 😉

  4. Pamela ha detto:

    Ma è normalissimo avere paura!! E i sensi di colpa ce li abbiamo avuti tutti!!
    Riguardo al lavoro non inerente quello che hai studiato… penso che oggi con la crisi che c’è in giro il 90% degli studenti che si laureano non troveranno un lavoro affine a percorso di studi fatto!! E poi fai un lavoro che ti piace ed hai iniziato anche prima di laurearti, ti sembra poco?? 🙂
    Non preoccuparti se non apparirai “sicura”: chi lo è quel giorno?? Ti racconto cosa è successo a me: per i primi 5 minuti ero terrorizzata, parlavo piano e mi mancava l’aria, poi ad un certo punto mi sono bloccata, non mi veniva una parola… Un attimo di panico, ma quando ho alzato gli occhi ho visto la commissione che mi voleva aiutare a trovare la parola mancante, non stavo facendo una brutta figura, anzi, era solo l’emozione e loro lo capivano… A quel punto della mia vita sono cambiata, è scattata una scintilla nella mia testa e sono cresciuta di 10 anni in un secondo: ho cambiato frase ed ho continuato a testa alta e voce meno “tremolante” il resto della discussione. Ed ora la mia voce non trema più.
    In bocca al lupo e…. vai e stendili tutti!!!!! 🙂

    • Fidya ha detto:

      Grazie Pamela per la tua testimonianza, diversa dalle altre…spero che in quel giorno la mia commissione sia benevola come la tua…lo spero davvero!

      • Pamela ha detto:

        E’ la testimonianza di una persona (prima) ansiosa e fifona a cui la discussione della tesi ha dato una mano a cambiare…
        La tua commissione sarà meglio della mia… davvero! 😉

  5. francimakeup ha detto:

    E’ normale che tu abbia paura ed in fondo è proprio questo il bello..vivere delle emozioni. Fai bene a credere nel tuo nuovo progetto e non è detto che tu debba chiudere definitivamente il discorso sociologia. Voglio di dirti di goderti il senso di leggerezza che proverai dopo aver finito insieme ai tuoi un bacio

  6. jesslan ha detto:

    Quel giorno avrai talmente tanta adrenalina addosso che anche se ti sparano non ti succede niente, sei invincibile. Fregatene della gente! Uno può essere laureato in fisica nucleare, ma fare il falegname, cosa c’è di male? Ognuno fa quel che è portato a fare e lo soddisfa! E soprattutto, se ognuno di noi facesse quello per cui è portato, il mondo giretebbe meglio!
    La cioccolata aiuta e lo shopping anche!

  7. Beltranmakeup ha detto:

    L’università serve, ma non a dare un lavoro, dà una base, un certo livello di nozioni, talvolta di cultura, ma il lavoro no (salvo rarissime eccezioni).
    Hai completato un percorso ed è anche per questo motivo se oggi sei la persona che pensa queste cose ed ha avuto il coraggio di scriverle.
    Gli studi sicuramente ti avranno dato tanto, ma è giusto che tu segua ciò che credi possa farti star bene e valorizzarti, perché alla fine della tua vita devi render conto solo a te stessa, è l’unico modo per non avere rimpianti o rimorsi.
    L’aver trovato un’altra strada, che ti gratifica, deve renderti solo fiera di te stessa, e il coraggio di intraprenderla e portarla avanti non ce l’hanno tutti.
    L’importante è che tu rimanga sempre fedele a te stessa.
    In fondo lo diceva Socrate “Γνῶθι σεαυτόν” (Conosci te stesso), mica il primo scemo della piazza 😉

    • Fidya ha detto:

      Amo la filosofia, quindi l’ultima frase mi ha colpito moltissimo. Spesso però la nostra concezione è dovuta agli altri…infondo ci guardiamo con gli occhi degli altri, però hai ragione. Posso e voglio essere quello che desidero, una Mua, ma non una di quelle spocchiose, ma una che vuole essere circondata dalla gente, che vuole dare consigli, che vuole vivere e migliorare! Grazie delle tue parole… spero davvero che giovedì vada tutto bene. Un Bacio

  8. tizy1289 ha detto:

    Io ho scelto Lettere con specializzazione in storia: Sono anni e anni che mi sento dire che ho scelto prima una scuola superiore inutile, poi un’università inutile, che non mi darà lavoro e così via. Io ho scelto di fare ciò che mi piace: non condivido affatto chi sceglie un università che non ama solo perchè reputa di poter fare un lavoro migliore. Al giorno d’oggi nessuna università ti garantisce un futuro: meglio seguire sempre e comunque le proprie passioni! Cosa che, io credo, porta enormi soddisfazioni, nonchè gente più competente.
    Tu non hai tradito la sociologia, dopotutto il makeup e tutta la fenomenologia che ci sta dietro è da attribuirsi all’ambito sociologico, no? E, chi lo sa: magari un giorno sarai l’autrice di qualche studio su questo campo!
    Ti voglio bene, sappilo, e credo in te. ❤

  9. M.Elly ha detto:

    Ricordo con immensa felicità il giorno della mia laurea, vissuto come se fosse il più bello e importante della mia vita. E in effetti è stato così, la consacrazione al mondo dei dottori, degli adulti e dei disperati. Ma proprio perchè è un mondo brutale quello che ci attende fuori dall’univeristà, che dobbiamo focalizzarci su altro. La nostra vita non deve basarsi semplicemente su ciò che si siamo riusciti a costruire giorno per giorno, ma va sviluppata anche in base ad altri sogni e aspettative. Bisogna buttare altri semi, allargare il nostro giardino, perchè oggi il mondo è crudele e ai più da modo solo di vivere alla giornata…allargando i propri orizzonti, si amplificano le prospettive e le possibilità. Dopo la laurea in cultural management, ho iniziato a dedicarmi alla radio, ho viaggiato, studiato all’estero e imparato un’altra lingua, pur non lasciando mai il mio primo amore, il sogno della mia vita: l’organizzazione di eventi.
    A mio avviso sei da ammirare, sia per il fatto che hai lavorato e studiato, sia perchè sei riuscita in un’impresa epica per la maggior parte delle persone, ossia quella di portare avanti due lavori in parallelo e riuscire a farli bene entrambi.
    In bocca al lupo per la discussione 🙂

Lascia un Commento/Saluto se ti va ♡

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...